Le strutture della partita di Re

Corso tenuto da:

Corso di 4 lezioni su Zoom

Il link d'invito verrà inviato via mail il giorno precedente alla lezione (la mail potrebbe finire in SPAM oppure nella cartella promozioni)

Giovedì ore 21:00

2, 9, 16 e 23 Dicembre

Posti TOTALI: 30

Costo (per tutte le lezioni): 30.00€

Iscrizione attraverso PayPal oppure bonifico

Durata lezioni: 60 minuti

Le lezioni verranno registrate e saranno disponibili per tutti i corsisti

A chi è rivolto il corso:

Il corso è rivolto a giocatori in possesso di almeno 1500 punti elo.

Dettagli programma:

Partendo dalle aperture classiche (1.e4 e5) si ottengono situazioni di mediogioco ben definite e quindi molto istruttive.
Padroneggiare le aperture attraverso lo studio delle strutture è il tradizionale metodo russo. Lo studio moderno vi aggiunge l’aggiornamento teorico dai database fino anche all’uso intensivo dei motori e quindi della memoria.
Mentre possiamo lasciare in buona parte ai professionisti l’ultimo passaggio, la comprensione tramite le strutture sarà sufficiente a farci scegliere bene “dove vogliamo andare” e fissando poi qualche sequenza sul “come arrivarci” la nostra preparazione sarà pressoché completa.

Lezione 1 - Il centro statico (colonna "d" aperta)

Partita Spagnola, Italiana ed anche Pirc.
Il Bianco liquida il suo pedone d4 col cambio in e5.
Si ha un livellamento della posizione nel gioco pedonale ma le manovre dei pezzi possono ancora fare la differenza.

Lezione 2 - Il centro bloccato (e4-d5B contro e5-d6N)

Partita Spagnola e confronto con l’ Est-Indiana.
La scacchiera viene tagliata in due e il gioco si sposta sui lati. Spazio, manovre e spinte di rottura determineranno i nuovi scenari.

Lezione 3 - La cessione del centro exd4 (e4B contro d6N)

Partita Spagnola, Italiana, Scozzese e Philidor.
La cessione del centro viene spesso automaticamente associata alla passività ma non è sempre così. Anche il Nero ha possibilità di controgioco.

Lezione 4 - Il centro flessibile (c3-d4-e4B)

Partita Spagnola, Italiana.
Una strategia della tensione da parte del Bianco che, mantenendo aperte più strade, potrebbe riuscire a mettere in difficoltà il Nero.